Insegnamenti di Fondamenti di Fisica e Didattica della Fisica

CdL in Scienze della Formazione Primaria - Università di Firenze
Anno Accademico
  2014-2015 *


La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l'universo), ma non si può intendere se prima non s'impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne' quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto.
Galileo Galilei, Il saggiatore.








ULTIMO AGGIORNAMENTO DELLA PAGINA: 23 SETTEMBRE 2019

* La pagina è aggiornata all'Anno Accademico 2014-15 perché i corsi appartengono al vecchio ordinamento e questo è l'ultimo anno nel quale si sono tenute le lezioni. Tutti gli studenti del vecchio ordinamento che non hanno ancora superato l'esame devono riferirsi al programma qui riportato.


  Corsi attivati e docenti

Fondamenti di Fisica - Esame obbligatorio del IV anno - 4 CFU, I semestre. Docente: SAMUELE STRAULINO

Didattica della Fisica - Esame facoltativo del IV anno (major scientifico) - 4 CFU, II semestre. Docenti: SILVESTRO RAFFONE, SAMUELE STRAULINO



  Argomento dei corsi

Fondamenti di Fisica: il corso intende affrontare in maniera elementare lo studio dei concetti fondamentali della Fisica, con particolare attenzione alle connessioni tra le attività di osservazione, sperimentali e teoriche. Gli argomenti trattati riguardano le misure fisiche e le incertezze, la cinematica, la dinamica, i fluidi. Per ogni argomento verranno illustrati i concetti fondamentali, le proposte didattiche e alcuni facili esperimenti (da approfondire eventualmente nel corso di "Didattica della Fisica"). Guardare il programma in dettaglio nella sezione "Programmi e Dispense".

Didattica della Fisica: Come ideale prosecuzione del programma svolto nel corso (obbligatorio) di "Fondamenti di Fisica", vengono proposte facili esperienze per illustrare alcuni processi fisici che riguardano il movimento, le forze, i fluidi, il calore, la natura dei fenomeni luminosi, l'astronomia.


  Programmi e Dispense

PROGRAMMA di Fondamenti di Fisica e di Didattica della Fisica (2014-2015)
NOTA: il programma qui indicato vale anche per gli studenti che hanno seguito il corso negli anni precedenti

LIBRO DI TESTO CONSIGLIATO: U. Amaldi, Le traiettorie della fisica (da Galileo a Heisenberg) Meccanica (solo volume 1), Zanichelli, Bologna (2012) ISBN: 978-88-08-12721-1
NOTA: il libro di testo è consigliato, ma non obbligatorio. Può essere sostituito da altri testi di fisica per le scuole superiori, a discrezione dello studente

AVVISO - Poiché il libro Galileo. Tra scienza, fede e politica del prof. Alberto Righini è esaurito e al momento non è stato ristampato, lo studio di questo testo per l'esame non sarà richiesto fino a nuovo avviso.

INDICE del libro di testo (Amaldi, Le traiettorie della fisica):   PAG. 1  PAG. 2  PAG. 3  PAG. 4
NOTA: il programma include il libro completo (nell'edizione proposta), eccetto il cap. 11

DISPENSE sui fluidi
NOTA: chiedere le credenziali di accesso al docente

Se lo ritengono utile, gli studenti possono seguire le lezioni del docente sulla piattaforma Moodle. Il corso si chiama "Fisica Sperimentale 2017-2018" e può essere seguito per le parti previste nel programma del vecchio ordinamento (indicativamente, fino alla metà della lezione 11 per "Fondamenti di Fisica", il resto per "Didattica della Fisica").


  Orario di ricevimento degli studenti


  Esami

Poiché gli insegnamenti di Fondamenti di Fisica e di Didattica della Fisica sono ormai cessati da diversi anni, gli appelli d'esame non vengono attivati automaticamente, ma solo su richiesta degli interessati.
Per chiedere l'attivazione di un appello lo studente, con sufficiente anticipo, deve scrivere un e-mail a questo indirizzo:

appelli.esami @ scform.unifi.it


Nelle sessioni straordinarie di Aprile e Dicembre di ogni anno tutte le categorie di studenti (lavoratori e non, in corso e fuori corso, ecc.) possono sostenere l'esame (non preoccupatevi di questo!).

COME SI SVOLGE L'ESAME DI FONDAMENTI DI FISICA. L'esame è ORALE. Come prima domanda, al candidato sarà chiesto di risolvere un esercizio, scelto dal docente fra quelli proposti dal libro di testo (Amaldi, Le traiettorie della fisica). Su richiesta dello studente, l'esaminatore sceglierà l'esercizio dal libro di testo scelto dal candidato, anche se diverso dall'Amaldi (deve essere comunque un libro di fisica per le scuole superiori a diffusione nazionale). Seguiranno altre due o tre domande su argomenti del programma. Come esercizi preliminari di matematica, che saranno occasionalmente richiesti anche in sede di esame, si suggerisce di prepararsi sui test INVALSI (progettati come verifica degli apprendimenti per la terza media):

INVALSI 2008-2009   INVALSI 2009-2010   INVALSI 2010-2011   INVALSI 2011-2012   INVALSI 2012-2013   INVALSI 2013-2014   INVALSI 2014-2015   INVALSI 2015-2016   INVALSI 2016-2017

EQUAZIONI DI PRIMO GRADO. Chi ha difficoltà con la matematica, si eserciti con le equazioni di primo grado: lo studente all'esame deve mostrare di saperle risolvere con grande sicurezza.


  AVVISI PER GLI STUDENTI

Le lezioni di Fondamenti di Fisica per l'Anno Accademico 2014-2015 si sono tenute nel I semestre e sono terminate il 10 Dicembre 2014.

Calendario delle lezioni svolte:
Fondamenti di Fisica (4 CFU): dal 29 Settembre al 3 Novembre 2014
Astronomia e Astrofisica (8 CFU): dal 29 Settembre al 10 Dicembre 2014
Laboratorio di Astronomia e Astrofisica (1 CFU): dal 15 al 22 Dicembre 2014

Le lezioni di Didattica della Fisica si sono tenute invece nel II semestre (Marzo-Maggio 2015).



Calendario degli esami

In genere non tutti gli studenti vengono esaminati nel giorno fissato per l'appello, a causa del numero elevato di iscritti. Il docente prepara pertanto un calendario, che è consultabile qualche giorno prima della data fissata a questa pagina web.





Risultati della prova di autovalutazione del 3 Marzo 2014

COME LEGGERE I RISULTATI. Nella prima pagina ho messo un istogramma che mostra la distribuzione dei punteggi. Il punteggio massimo è 100 e i valori sono suddivisi in classi di 10 (da 1 a 10, da 11 a 20, ecc.): l'istogramma ci dice quanti studenti si trovano in ciascuna classe. Nella seconda pagina ho riportato i punteggi associati ai codici numerici di ciascun test. Nelle prime due colonne i dati sono ordinati per punteggio; nelle altre due i dati sono ordinati per codice numerico del test. A chi ha ottenuto un punteggio particolarmente "basso" (diciamo sotto 40-50) consiglio vivamente un ripasso dei concetti-base di matematica (frazioni, equivalenze, equazioni di I grado, unità di misura, ... ).







Valid HTML 4.01 Transitional